.
Annunci online

 
lapillolarossa 
L'altra informazione: Libera e senza compromessi
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il Blog di Beppe Grillo
Latitanti pericolosi
Lodo Alfano
Atto incolpazione De magistris
Memoria difensiva De Magistris
Nonsolo blog
Il Webmaster
Link Utili
Voglioscendere
Amici di Beppe Grillo Milano-Ovest
la casa della Legalità
Uguale per tutti
Stefano Montanari
Motivazione Corte d'appello - Andreotti
Sentenza cassazione - Andreotti
Sentenza Dell'Utri
Sentenza della Corte Europea - Caso Europa 7
Decreto sicurezza
  cerca


 

Diario | Ambiente | Autori | Lotta alla Mafia | Politica | Politica locale | Giustizia |
 
Diario
520889visite.

17 agosto 2009

Quanti amici ha Totò Riina

 


“Ho voluto qui incontrare il Generale Gallitelli, da poco comandante generale dell’arma dei Carabinieri, per esprimergli la totale vicinanza solidarietà di tutto il Governo ma mia in particolare per un attacco incredibile che ha subito ieri da un settimanale in un articolo in cui cerano della cose farneticanti contro i Carabinieri”

Queste sono le parole che La Russa ha detto a Napoli a proposito dell’articolo di Giorgio Bocca pubblicato da L’Espresso.

Giorgio Bocca, uno ottimo giornalista, non ha affatto attaccato l’Arma dei Carabinieri, a farneticare è il Ministro La Russa.

Nel suo articolo Bocca scrive che è pacifico che alcuni esponenti (non tutti) dell’Arma dei Carabinieri hanno avuto una parte importante nella trattativa tra Mafia e Stato.

Un esempio su tutti: sono i Carabinieri Mori e De Nonno a trattare con Vito Ciancimino dopo le stragi del 1992.

Nessuno, ripeto nessuno, ha attaccato L’Arma dei Carabinieri, Bocca ha solo cercato di far capire a chi ha gli occhi chiusi che la vera lotta che dobbiamo combattere non è quella tra i buoni e cattivi, ma eliminare la connivenza che c’è tra qualche esponente dello Stato e la Mafia.

La Russa, come al solito, non ha capito nulla dell’articolo di Bocca e fa propaganda politica; per fortuna che c’è la rete che non si fa mettere nel sacco da questi pupazzi di cartone.

sfoglia
luglio        settembre