.
Annunci online

 
lapillolarossa 
L'altra informazione: Libera e senza compromessi
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il Blog di Beppe Grillo
Latitanti pericolosi
Lodo Alfano
Atto incolpazione De magistris
Memoria difensiva De Magistris
Nonsolo blog
Il Webmaster
Link Utili
Voglioscendere
Amici di Beppe Grillo Milano-Ovest
la casa della Legalità
Uguale per tutti
Stefano Montanari
Motivazione Corte d'appello - Andreotti
Sentenza cassazione - Andreotti
Sentenza Dell'Utri
Sentenza della Corte Europea - Caso Europa 7
Decreto sicurezza
  cerca


 

Diario | Ambiente | Autori | Lotta alla Mafia | Politica | Politica locale | Giustizia |
 
Diario
1visite.

22 febbraio 2010

Lite ad Annozero, ancora falsità sul conto di Travaglio

Dopo la lite in diretta ad Annozero tra Porro e Travaglio e la lettera aperta di Travaglio a Michele Santoro, è scattato l'attacco de Il Giornale.

Domenica 21 febbraio Mariateresa Conti scrive un articolo: “Quella conoscenza scomoda che lo manda in bestia”.


La conoscenza scomoda a cui fa riferimento la Sig.ra Conti è Giuseppe Ciuro, ex sottufficiale della polizia Giudiziaria (condannato ad un anno e quattro mesi per aver favorito Michele Aiello, un imprenditore vicino alla mafia).

Chi è Michele Aiello?

Aiello è un impresario della sanità siciliana condannato a 14 anni per associazione a delinquere di stampo mafioso

Travaglio e la sua famiglia, nel 2003, trascorrono le vacanze nel residence Golden Hill di Altavilla Milicia dove alloggiano anche Ingoria (Magistrato) e Ciuro.

Nel 2008 D'Avanzo (su Repubblica) sostiene che quelle vacanze Travaglio se le sia fatte pagare da Michele Aiello su intercessione di Ciuro, la notizia e falsa, Travaglio non ha mai conosciuto ne tanto meno avuto rapporti con Michele Aiello, per dimostrarlo pubblica l'estratto conto della carta di credito e l'assegno con cui pagò quelle vacanze.

Tutto Chiaro?

In un Paese normale sarebbe cosi, non nel nostro, dove personaggi del calibro di Belpietro, Signorini e, l'altra sera da Porro, usano una vecchia strategia per trasformare un dibattito in un pollaio.

Si rispolverano notizie false in modo da innescare una discussione su un argomento che non ha nulla a che fare con la serata, ottenendo come risultato una confusione tale che chi sta guardando non capisce nulla.

Per fortuna abbiamo la rete, non prendiamo per oro colato quello che passa in TV, cerchiamole noi le notizie, consultiamo i documenti, incrociamo le informazioni, solo cosi saremo attivi e non passivi.

La prossima volta che questi personaggi andranno in TV a dire falsità saremo in grado di riconoscerle.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. travaglio aiello porro giuseppe ciuro annozero

permalink | inviato da SimoneS il 22/2/2010 alle 10:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

12 ottobre 2009

Lo si sapeva da anni


Ascolta qui la seconda parte 


In tema di mafia in questi giorni si sono dette tante cose.

Dopo la puntata di Annozero in cui è stata data la notizia che Paolo Borsellino era stato avvisato che la Mafia lo voleva morto sui giornali è apparso di tutto, chi si è chiesto come mai questa notizia è uscita solo ora e chi ha affermato che fino ad ora si poteva solo immaginare e adesso ne abbiamo la certezza.

L’altro caso è quello della famosa trattativa tra lo stato e la mafia, nel processo per la morte di Paolo Borsellino stanno uscendo notizie importati, il muro di reticenza che c’era intorno al Papello piano piano sta cadendo eppure i magistrati che indagavano lo sapevano da anni che è esistita una trattativa tra lo stato e la Mafia.

Lo dimostra questa intervista che il Blog ha registrato con Alfonso Sabella, magistrato che è stato in prima linea nella lotta alla mafia.

Solo i cittadini sono stati tenuti allo scuro di tutto, tenere il popolo nell’ignoranza è l’unico modo che hanno questi quattro pagliacci per conservare il potere.

Ormai sono ovunque, lo Stato è stato corrotto dall’interno dalla Mafia questa è la realtà.

L’unica via d’uscita è lottare informando la gente di quello che accade alle loro spalle non possiamo arrenderci se vogliamo vincere la guerra


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lotta alla mafia Paolo Borsellino annozero

permalink | inviato da SimoneS il 12/10/2009 alle 21:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

21 dicembre 2008

Attacco ad Annozero

Basta con i processi mediatici in tv. Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi, nel corso del pranzo con gli eurodeputati azzurri, facendo riferimento alla puntata di Annozero andato in onda ieri sera che lui stesso avrebbe seguito in tv. In particolare il premier, secondo quando riferito da diversi partecipanti, si è soffermato sulla parte in cui due attori in una sorta di fiction recitavano il ruolo del giudice e dell’imputato avendo come testi le intercettazioni alla base delle indagini in corso a Napoli. "È una cosa inaudita -ha detto il premier ai presenti - a cui bisogna porre un rimedio. Nel nostro Paese ci sono tre gradi di giudizio, non è possibile assistere a certe cose" (Il Giornale del 20 dicembre 2008).

Le parole del Presidente del Consiglio sembrano annunciare un azione “a cui bisogna porre un rimedio” nei confronti di Annozero, mentre il fedele Vespa può tranquillamente diffondere nell'etere tutte le intercettazioni che vuole senza temere nulla.

E' proprio vero fare da maggiordomo al Potere paga, in Italia.

sfoglia
gennaio        marzo