.
Annunci online

 
lapillolarossa 
L'altra informazione: Libera e senza compromessi
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il Blog di Beppe Grillo
Latitanti pericolosi
Lodo Alfano
Atto incolpazione De magistris
Memoria difensiva De Magistris
Nonsolo blog
Il Webmaster
Link Utili
Voglioscendere
Amici di Beppe Grillo Milano-Ovest
la casa della Legalità
Uguale per tutti
Stefano Montanari
Motivazione Corte d'appello - Andreotti
Sentenza cassazione - Andreotti
Sentenza Dell'Utri
Sentenza della Corte Europea - Caso Europa 7
Decreto sicurezza
  cerca


 

Diario | Ambiente | Autori | Lotta alla Mafia | Politica | Politica locale | Giustizia |
 
Diario
1visite.

18 agosto 2009

Non è necessaria la solita retori per difendere l'Arma

 



Non Bastava La Russa, alla lista di quelli che non hanno capito nulla dell’articolo di Bocca si aggiunge Mario Cervi de “Il Giornale”:

“Da una vita ho rispetto e affetto per i carabinieri: e ritengo superfluo aggiungere che le accuse - tanto infamanti quanto generiche - da Giorgio Bocca rivolte all’Arma sull’Espresso, mi sono parse intollerabili. Segno d’una veemenza rabbiosa e d’una dietrologia faziosa che, insieme, fanno cattivo giornalismo. “ e ancora “allora? Allora viva i carabinieri, cari agli italiani. E condanna fermissima per chi li oltraggia.”…. “Ho la convinzione che l’Arma si distingua, anche in confronto a qualificati corpi di polizia stranieri, per l’alto standard professionale e morale dei suoi componenti. Così la pensano, in schiacciante maggioranza, gli italiani, e una ragione ci sarà. Anche Bocca dovrebbe farsene una ragione.”

Io non posso credere che Cervi non è in grado di capire quello che legge, ma se davvero avesse letto l’articolo di Bocca si sarebbe accorto che non ha attaccato l’Arma dei Carabinieri, che rimane un punto fermo per tutti gli Italiani.

Bocca ha semplicemente ricordato che la lotta più dura da combattere è quella contro i corpi estranei all’interno delle Istituzioni (Carabinieri compresi).

E’ un Carabiniere quello filmato con in mano l’agenda rossa di Borsellino che poi è scomparsa, sono carabinieri quelli che trattavano con Riina attraverso Ciancimino a cavallo delle stragi del 1992.

Attaccare le mele marce non significa attaccare l’intero corpo, se fossi un carabiniere onesto mi sentirei più offeso dalle parole di Cervi che da quelle di bocca.

Il cattivo giornalismo è fatto proprio da quelli come Cervi che, per spirito corporativo, farneticano pur di seguire la linea del capo.

17 agosto 2009

Quanti amici ha Totò Riina

 


“Ho voluto qui incontrare il Generale Gallitelli, da poco comandante generale dell’arma dei Carabinieri, per esprimergli la totale vicinanza solidarietà di tutto il Governo ma mia in particolare per un attacco incredibile che ha subito ieri da un settimanale in un articolo in cui cerano della cose farneticanti contro i Carabinieri”

Queste sono le parole che La Russa ha detto a Napoli a proposito dell’articolo di Giorgio Bocca pubblicato da L’Espresso.

Giorgio Bocca, uno ottimo giornalista, non ha affatto attaccato l’Arma dei Carabinieri, a farneticare è il Ministro La Russa.

Nel suo articolo Bocca scrive che è pacifico che alcuni esponenti (non tutti) dell’Arma dei Carabinieri hanno avuto una parte importante nella trattativa tra Mafia e Stato.

Un esempio su tutti: sono i Carabinieri Mori e De Nonno a trattare con Vito Ciancimino dopo le stragi del 1992.

Nessuno, ripeto nessuno, ha attaccato L’Arma dei Carabinieri, Bocca ha solo cercato di far capire a chi ha gli occhi chiusi che la vera lotta che dobbiamo combattere non è quella tra i buoni e cattivi, ma eliminare la connivenza che c’è tra qualche esponente dello Stato e la Mafia.

La Russa, come al solito, non ha capito nulla dell’articolo di Bocca e fa propaganda politica; per fortuna che c’è la rete che non si fa mettere nel sacco da questi pupazzi di cartone.

sfoglia
luglio        settembre