.
Annunci online

 
lapillolarossa 
L'altra informazione: Libera e senza compromessi
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il Blog di Beppe Grillo
Latitanti pericolosi
Lodo Alfano
Atto incolpazione De magistris
Memoria difensiva De Magistris
Nonsolo blog
Il Webmaster
Link Utili
Voglioscendere
Amici di Beppe Grillo Milano-Ovest
la casa della Legalità
Uguale per tutti
Stefano Montanari
Motivazione Corte d'appello - Andreotti
Sentenza cassazione - Andreotti
Sentenza Dell'Utri
Sentenza della Corte Europea - Caso Europa 7
Decreto sicurezza
  cerca


 

Diario | Ambiente | Autori | Lotta alla Mafia | Politica | Politica locale | Giustizia |
 
Giustizia
1visite.

13 giugno 2010

Scusate la latitanza


Eccomidi ritorno da una lungalatitanza dovuta a problemi di Lavoro ( sonouno degli Italiani che hanno perso il lavoro).

Duranteil mio periodo di assenza dal Blog non ho mai rinunciato adinformarmi attraverso al rete e sono davvero incazz...

L'approvazione( per metà) del ddl sulle intercettazioni è l'inizio di unabattagli per la libertà e la democrazia nel nostro paese, battagliaalla quale non ho intenzione di rinunciare.

Ilpopolo Viola sta organizzando per il 4 luglio un sit In di protesta,poroporrò al Meetup al qule appartengo di organizzarne uno anchenella piazza del nostro Paese.

Noinon molleremo Mai....

15 gennaio 2010

Processo Mills: Giudici in camera di consiglio



Questa mattina e riiniziato, a Milano, il processo per Corruzione in atti giudiziari nei confornti di Silvio Berlusconi dopo la sospensione imposta dal Lodo Alfano (Dichiarato incostituzionale).
I Legali del premier (Ghedini e Longo) hanno chiesto ai Giudici di azzerare il processo ricominciando da capo e non dal punto in cui il Lodo Alfano lo aveva sospeso.
Ma Berlusconi non doveva andare in Tribunale per difendersi e dimostrare la sua innocenza?
A me questa strategia sembra un prendere tempo in attesa del legittimo impedimento e del processo breve per farla franca un altra volta
La Corte si è chiusa in camera di cosnsiglio, aspettiamo l'esito.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi giustizia tribunale di milano mills

permalink | inviato da SimoneS il 15/1/2010 alle 13:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

13 gennaio 2010

Ennesima buffonata, rivogliono l'autorizzazione a procedere


L'altra sera, a Porta a Porta, Bondi e Casini discutevano se è necessario o no reintrodurre l'autorizzazione a procedere; per capire di cosa si tratta facciamo una breve storia di questa istituzione.

I padri costituenti pensarono l'art. 68 della costituzione in questo modo:

I membri del Parlamento non possono essere perseguiti per le opinioni espresse e per i voti dati

nell'esercizio delle loro funzioni.

Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a procedimento penale; né può essere arrestato, o altrimenti privato della libertà personale, o sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, salvo che sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è obbligatorio il mandato o l'ordine di cattura.

Eguale autorizzazione è richiesta per trarre in arresto o mantenere in detenzione un membro del Parlamento in esecuzione di una sentenza anche irrevocabile.”

Questa procedura fu introdotta in periodo storico particolare dl nostro paese, il dopoguerra post fascista, e serviva per evitare che le minoranze parlamentari fossero in qualche modo perseguitate da soggetti dissidenti.

Nel 1993, dopo lo scandalo di tangentopoli venne modificata, oggi l'art. 68 della costituzione è il seguente:

I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell'esercizio delle loro funzioni.

Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è previsto l'arresto obbligatorio in flagranza.

Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza.

Quali sono le differenze?

L'immunità parlamentare è rimasta intatta e persiste nella nostra costituzione dal 1944, l'autorizzazione a procedere, invece, realizzava una condizione di procedibilità subordinando l’accertamento giudiziario nei confronti di un parlamentare al benestare della maggioranza dei componenti della camera di appartenenza.
Traduco, l'autorizzazione a procedere serviva ai giudici per poter continuare ad indagare su quel membro del parlamento, l'immunità (che è ancora in vigore), invece, è proprio quell'istituzione che è necessaria per evitare persecuzioni politiche da parte di soggetti eversivi.

Con l'attuale procedura il giudice può continuare ad indagare sul soggetto ma se ritiene ci sia bisogno di un provvedimento di custodia cautelare lo deve chiedere al Parlamento.

Come si nota è contraddittorio considerare l'autorizzazione a procedere come un modo per tutelare le minoranze e assegnare la competenza della concessione o del diniego alla maggioranza del momento.

Concludo:

L'autorizzazione alla custodia cautelare in Italia è quasi sempre stata negata dando la possibilità a che è destinatario di un provvedimento di arresto di continuare a sedere in Parlamento.

Nemmeno le condanne definitive ha causano l'espulsione dal Parlamento ( Perviti si è dimesso)

Considerando queste due realtà Italiane l'intenzione di reintrodurre l'autorizzazione a procedere con la scusa di riequilibrare i poteri tra magistratura e politica è un'affermazione priva di ogni senso.

28 dicembre 2009

Cos'è il concorso esterno in associazione mafiosa


Il motivo che mi ha portato a infilarmi in tecnicismi giuridici sono le considerazioni che parte della stampa fa sul reati di concorso esterno in associazione mafiosa.

Su Il Giornale Paolo Granzotto lancia  affermazioni decisamente importanti e, se fossero vere, sarebbero preoccupanti perchè dimostrerebbero che Berlusconi è vittima di una persecuzione.

Granzotto, a proposito delle dichiarazioni di Spatuzza che hanno causato la riapertura delle indagini sulle stragi del 94, ritiene che Berlusconi dopo essere riuscito a far valere le proprie ragioni in tutti i processi fin'ora affrontati (qui ci sarebbe molto da ridire), qui non sarebbe in grado di farlo in questo processo (ammesso che verrà indagato) in quanto il reato di concorso esterno in associazione mafiosa è: “una mostruosità giuridica che non compare nel nostro Codice penale (e in nessun altro codice al mondo, nemmeno in quello in vigore in Cambogia al tempo di Pol Pot o nell’Uganda di Idi Amin Dada). Un capo d’accusa così indeterminato, così ambiguo e astratto da consentire all’accusa di interpretarlo e applicarlo a piacimento, facendone un affilato strumento persecutorio....il concorso esterno in associazione mafiosa è un reato che non esiste e dall’accusa di aver commesso un reato che non esiste è impossibile difendersi”.



Cos'è il concorso esterno in associazione mafiosa?

Per prima cosa dobbiamo mettere bene in chiaro i ruoli, la nostra Costituzione stabilisce che la magistratura si deve occupare delle leggi e il Parlamento di farle, entrambi devono rispettare i limiti posti dalla costituzione stessa.

Il parlamento, quindi, attraverso le leggi deve stabilire modelli comportamentali da considerare reati (fatti tipici)

La Magistratura quindi deve stabilire attraverso le sentenze se queste i fatti so sono realmente concretizzati in reato.

Fin qui nessun problema, la legge stabilisce i fatti tipici e i magistrati li puniscono e se ci trovassimo di fronte ad un fatto atipico?

Esempio, pensiamo a Tizio, gestore di una bottega di ferramenta, il quale, avendo ricevuto da Sempronio le chiavi del suo appartamento per la duplicazione, ne fa una copia che, dietro compenso, consegna a Caio, il quale, a sua volta, in un periodo di assenza di Sempronio, si introduce nell’appartamento di quest’ultimo asportando i valori custoditi al suo interno.

Caio ha chiaramente messo in atto il fatto tipico di “Furto in abitazione”, non ha realizzato nessun fatto tipico ma ha fornito un contributo fondamentale per la realizzazione del reato.

La risposta a problemi come questo è all'interno del codice penale, parlo del Art. 110: Quando piu' persone concorrono nel medesimo reato, ciascuna di esse soggiace alla pena per questo stabilita.”.

Tecnicamente si dice che l'art 110 svolge una funzione estensiva, ovvero combinato con gli articoli che definiscono il singolo reato estende la punibilità a elementi esterni.

L'art. 416 bis punisce “chiunque fa parte di un’associazione di tipo mafioso”, facciamo un altro esempio: Tizio e Caio danno vita ad un’associazione di tipo mafioso, impegnata in varie attività quali estorsioni, commercio di stupefacenti ecc.

Ipotizziamo che i due conoscano il Giudice Sempronio e si rivolgano a lui tutte le volte che hanno bisogno e che lui, sapendo dell'esistenza di questa associazione, si adoperi per fornire l'aiuto richiesto.

Tizio e Caio risponderanno per associazione Mafiosa,

Sempronio, pur contribuendo in modo fondamentale alla vita del sodalizio, non ne fa parte applicando solo l'art 416 bis non può essere incriminato; la fa franca quindi?

No, anche qui ci viene in soccorso l'art 110 cp , combinandolo con il 416 estende la punibilità a tutti colo che, pur non facendo parte dell'associazione mafiosa, contribuiscono consapevolmente alla sua vita ( concorso esterno in associazione mafiosa quindi).

Mi scuso ancora per i tecnicismi usati in questo articolo ma era l'unico modo per spiegare come gli House organ del potere cercano di confondere le idee alle persone, qualcuno lo dica a Granzotto così magari si vergogna di quello che ha scritto.

16 novembre 2009

Il processo berve applicato alle Fs



Il “compromesso” raggiunto tra Silvio e Gianfranco sulla giustizia è semplicemente geniale: l’idea di mettere un limite temporale ai processi infischiandosene dei tempi tecnici e senza far nulla per abbreviarli, è così efficace che dovrebbe essere adottata anche in altri settori.

Le ferrovie, per esempio, in eterno ritardo: quando si raggiunge l’orario di arrivo il treno dovrebbe fermarsi comunque, non importa quanto lontano dalla stazione, anche in piena campagna.

Sarebbe un po’ faticoso con tutti i passeggeri ad arrancare sui binari, ma almeno avremmo le ferrovie più puntuali del mondo, un altro splendido record da attaccare nella bacheca dei primati che raggiungiamo di mese in mese. E poi così il tempo sarebbe davvero galantuomo come dice Tremonti.

Per la verità sono stato molto indeciso se lanciare questa idea: visto come si stanno mettendo le cose, visti i silenzi e flebili mantra che arrivano non vorrei ritrovarla fra le proposte “costruttive” del Pd.
(da Piovonorane.it)



Aggiungi al tuo blog il Banner "Info Giustizia".
Incolla in codice che trovi qui
nel tuo Blog


<div style="text-align: center;"><a
href="http://infogiustizia.blogspot.com/">
<imgstyle="border: 0px solid ; width: 160px; height: 87px;"
alt=""src="http://digilander.libero.it/
la_pillolarossa/
Uguale%20per%20tutti.jpg">
</a></div>


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giustizia processo breve lodo fini

permalink | inviato da SimoneS il 16/11/2009 alle 22:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

14 novembre 2009

Una nuova rubrica...



Da oggi il blog avrà una nuova rubrica " Info Giustizia".
nel mio piccolo cercherò di informare i lettori sul funzionamento della giustizia Italiana evitando cosi che si possa essere confusi da ciò che dicono in TV.
Per leggere i post della nuova rubrica basterà cliccare sul banner.



Aggiungi al tuo blog il Banner "Info Giustizia".
Incolla in codice che trovi qui
nel tuo Blog


<div style="text-align: center;"><a
href="http://infogiustizia.blogspot.com/">
<imgstyle="border: 0px solid ; width: 160px; height: 87px;"
alt=""src="http://digilander.libero.it/
la_pillolarossa/
Uguale%20per%20tutti.jpg">
</a></div>


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giustizia la pillola rossa

permalink | inviato da SimoneS il 14/11/2009 alle 21:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio