Blog: http://lapillolarossa.ilcannocchiale.it

Balle televisive

 


Ecco come i maggiori TG Italiani hanno dato la notizia della manifestazione in Piazza Farnese a Roma

 

La manifestazione del 28 gennaio in piazza Farnese a Roma, organizzata dall’associazione Familiari vittime di mafia, è stata pensata per dimostrare la solidarietà nei confronti di De Magistris, Forleo, Apicella, Nuzzi e Verasani; trasferiti per aver fatto il loro lavoro onestamente.

Tra gli intervenuti c’erano Grillo, Travaglio, Vulpio, Salvatore Borsellino, Di Pietro e Sonia Alfano, presidente dell’associazione Familiari vittime di mafia; tutti gli interventi hanno evidenziato come una gran parte dell’opinione pubblica non condivide le decisioni del CSM.

Decisioni tutte incentrate, guarda caso, su De Magistris e su chi prende il suo posto; l’impressione è che chi tocca quell’indagine muore.

Nessuno insulto a Napolitano è stato pronunciato d Di Pietro, invito tutti ad ascoltare l’intervento integrale disponibile su Youtube e farsi un idea propria.

Insomma, la manifestazione è servita a quella parte di cittadinanza, che non vuole essere suddita ma sovrana, a gridare la propria contrarietà alla deriva democratica che il nostro paese sta prendendo.

Ora vediamo come i TG Italiani hanno informato la gente che non  era presente in Piazza Farnese e che non ha internet per informarsi:

TG5 :"Di Pietro attacca il capo dello stato che definisce poco arbitro e parla di silenzio mafioso.

 Il Quirinale, espressioni offensive, tutti solidali col Presidente…. Il Leader dell’Italia dei Valori parlava ad una Manifestazione pubblica e si è spinto a definire come caratterizzato da silenzio mafioso alcuno comportamenti recenti del Quirinale, un comportamento che mette Di Pietro in totale isolamento tra le forze politiche."

A questo punto parte il servizio di Carmelo Luciano… è bufera su Antonio Di Pietro per le parole pronucuate sta mattina nel corso di un manifestazione del suo partito…" Viene fatto sentore qualche secondo qua e là dell’intervento di Di Pietro in modo da confondere le idee di chi ascolta e  alla fine vengono mandate le risposta degli esponenti politici.

E’ incredibile, viene definita, falsamente,  una manifestazione dell’IDV, non viene detto chi ha partecipato, e soprattutto vengono strumentalizzate le parole di Di Pietro; insomma c’è da vergognarsi questa non è informazione.

TG1: "L’Onorevole Di Pitero in Piazza  Roma, manifestazione contro le proposte di Governo su giustizia e intercettazioni, dal palco il leader dell’IDV critica il Capo dello Stato sulla giustizia…." Viene proposta la nota del Quirinale in risposta a Di Pietro, che definisce pretestuose le affermazioni del leader dell’IDV e poi come il TG5 vengono proposte le risposte dei politici; a Di Pierto che dice che è stato frainteso vengono concessi due secondi.

Anche il TG1 non dice la verità sulle motivazioni della manifestazione e punta tutto sull’accusa a Di Pietro.

TG2: "E’ bufera su Antonio di Pietro che oggi in una manifestazione contro la riforma della Giustizia ha criticato il Capo dello stato accusandolo di non essere imparziale…." Anche questa volta viene proposta la replica del Quirinale.

A questo punto vengono lanciati i servizi di Ida Colucci e Giuseppe Carbone:”L’arringa di Di Pietro avviene durante una manifestazione a Roma sulla giustizia e prende spunto dalla rimozione di uno striscione con la scritta Napolitano dorme l’Italia insorge”.

Anche il TG2 non indovina i motivi della manifestazione e strumentalizza l’intervento di Di Pietro, la rimozione dello striscione c’è stata ma non è stato lo spunto per niente!

Chi è intervenuto, secondo il TG2, non interessa a nessuno.

TG3:” E’ Bufera per il nuovo attacco di Di Pietro al capo dello Stato, non sempre si comporta da Arbitro, ha detto il leader dell Italia dei valori durante una manifestazione sta mattina a Roma”…. Anche qui vengono proposte le reazioni del Quirinale e del parlamento.

E’ il turno del servizio di Valeria Ferrante:” Rivendica il diritto di criticare anche la più alta carica dello Stato, Di Pietro, ma sempre con il dovuto rispetto precisa, in piazza Farnese a Roma ad un iniziativa sulla legalità organizzata tra gli altri dall’associazione vittime di mafia presente anche Beppe Grillo…” alla fine vengono proposte le risposte del parlamento.

Il TG3 va più vicino alla realtà ma il modo in cui ci arriva confonde completamente le idee, non era un iniziativa sulla legalità e, anche qui, strumentalizzano le parole del Leader dell’ IDV.

Non stancherò mai di ripeterlo, in Italia l’informazione è al servizio del potere non è possibile distorcere in questo modo la realtà.

Per fortuna esiste in altro canale per informarsi, la rete, invito tutti ad andare a vedere gli interventi integrali di Di Pietro, Grillo, Carlo Vulpio, Marco Travaglio e Salvatore Borsellino per rendersi conto di quanto sono stati presi in giro dai TG nazionali.

Loro non molleranno mai… ma noi nemmeno


Scarica "La Pillola rossa" numero 4 del 2009


Pubblicato il 1/2/2009 alle 16.5 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web